Crea sito

LETTERE FRA L’ERBA di CLARA CERRI

Buongiorno a tutti e ben ritrovati dopo la pausa Pasquale!
In questi giorni avete letto? Io ho finito un romanzo lungo, iniziato e terminato un altro breve, e sono già avanti nella lettura di un altro ^_^

Oggi vi propongo LETTERE FRA L’ERBA DI CLARA CERRI

 

CLARA CERRI

.

Isabella è tornata a casa dal collegio e cerca di ritrovare la normalità con suo padre, la scuola, la sua passione per il teatro. Conoscere gli amici di sua madre, morta quando aveva pochi mesi, risveglia la sua curiosità verso di lei. Con fatica ricostruisce il suo vero volto dai loro racconti, dalle lettere di un’amica lontana, dallo stesso bisogno di amore e di bellezza che sente crescere dentro di sé. Ma dovrà farsi strada tra i rimorsi e i silenzi di suo padre e di tutti quelli che la circondano, attraverso momenti di rabbia e di sconforto, per trovare la sua verità su sua madre e sulla storia d’amore che ne ha segnato la vita, una storia iniziata nel 1990 con l’occupazione dell’università e col tentativo di suicidio di un amico pieno di talento ma fragile, che rimarrà ossessionato da lei e le starà accanto quando sarà lei a vedersi cadere il mondo addosso.

.

divisori fiori

.
ESTRATTO

Antonio la guardò severo: “Tu non hai niente di cui pentirti. Chi te l’ha messo in testa che ti devi pentire di qualcosa, quel sant’uomo di tuo marito?” Cominciò ad ammucchiare i faretti e i cavi sparsi sul proscenio.

“Che ti girano le palle, Anto’?” Tanto valeva essere franchi. “Ti rode perché ti ho detto che ho fatto la pace con Vincenzo?”

“No, Ilaria”, rispose calmo. “Se fosse vero sarei contento per te e basta”

“Ma è vero”

“E allora perché non è venuto stasera? Non lo capisci che ti ha dato il suo cellulare per poterti chiamare e tenerti buona, così non lo cerchi e non ti accorgi che va dall’amante?” Si accorse che aveva alzato la voce. “Senti, scusami. Io non ti volevo dire più niente, non voglio fare lo stronzo, però non ti posso vedere così”.

Ilaria restò calma. “Antonio, mi ha detto che è finita, mi ha promesso che non la vedrà più, te l’ho detto, no?”

Si alzarono, Antonio scosse la testa. “Sì, me l’hai detto, ma io non riesco a crederci. Tu gli credi perché vuoi che sia vero, perché lo ami…”, aveva abbassato lo sguardo e la voce si era ridotta a un borbottio. Ilaria si sentiva commossa, si sentiva il cuore gonfio di cose che non poteva più dirgli e di gesti che non poteva più fare.

“Ci sei rimasto male, non è vero?” Gli mise una mano sulla spalla, lui la scostò bruscamente.

“Dai, lasciami stare, mi passerà… Mi è già passata una volta, no?” Ilaria non replicò. “Vado a mettere questa roba in macchina, ho quasi finito”. Guardò la salopette che indossava. “No, magari è meglio se mi cambio, prima, sennò mi piglia un colpo per davvero”. Si tirò giù le bretelle, si sfilò la maglietta e scomparve dietro le quinte, Ilaria tornò a sedersi sulla sua sedia. Sarebbe passata anche a lei, prima o poi.

divisori fiori

 

Intervista su Lettere fra lerba

Ci racconti di che cosa parla “Lettere fra l’erba”? A quale genere appartiene?

Le storie di questo romanzo sono due: una si svolge al presente ed è la storia di Isabella, una ragazza orfana di madre che durante l’adolescenza comincia a porsi delle domande, e una si svolge al passato, la storia di sua madre Ilaria, da quando partecipava al movimento degli studenti universitari nel 1990 all’incidente che pone fine alla sua vita. Quella di Ilaria è la storia di una donna che ha un’idea altissima dell’amore e dell’amicizia e che però è destinata a rimanere delusa, attraverso amori e tradimenti. Ma la sua non è una storia di sconfitta, come tutti gli amici pensano. Così come la storia di Antonio, il protagonista maschile, che compare sia nel passato che nel presente, non è solo una storia di errori e di rimorsi. Quanto al genere, il centro della vicenda è una storia d’amore molto passionale, a tratti cruda, ma mi è difficile far rientrare questo romanzo sia nel genere rosa che in quello erotico. I miei protagonisti sono un clown e una moglie tradita, sono assai poco idealizzati e non si prendono molto sul serio.

Una ragazza cerca di costruirsi un’immagine della madre morta quando lei era in fasce. Qual è il target a cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare?

Ho cominciato a scrivere questo romanzo quando avevo l’età dei protagonisti nel passato, con tutte le speranze e le passioni di allora, e l’ho pubblicato quando ho raggiunto l’età dei protagonisti nel presente. In questa storia ho riversato l’energia della giovinezza, quando il desiderio ti manda in fiamme e non ti lascia dormire, quando hai un grande bisogno di lottare per i tuoi sogni e le tue ambizioni. Anche Isabella, la protagonista adolescente, è molto energica nei suoi desideri: sta cercando di recuperare una parte della sua identità, e anche se scoprire la verità su sua madre le farà male, continuerà a chiedere e a cercare, a non “accontentarsi delle solite risposte”. Diciamo che cerco lettori disposti a farsi scuotere da una storia, a farsi coinvolgere. E anche a farsi qualche risata, di tanto in tanto.

Qui trovate l’intervista completa.

 

divisori fiori

 

CONOSCIAMO CLARA!

Clara Cerri è nata e vive a Roma, ha studiato ebraico e lingue orientali antiche. Ha studiato musica classica e jazz e fa parte come cantante di diverse formazioni musicali. Ha pubblicato racconti sul web (per esempio sul blog Cronache Urbane) e in antologie come I piccoli e i grandi (edita dal sito genitoricrescono.it), Cocktail e Lunapark (edite da Lettere Animate), Strenne d’inchiostro (edita dal gruppo USE – Book lovers). Dodici posti dove non volevo andare (ed. Lettere Animate), il suo libro di esordio nella narrativa, ha vinto nel 2015 il I Premio letterario Amarganta. Nel gennaio 2016 ha pubblicato il suo secondo romanzo, Lettere fra l’erba (ed. Lettere Animate). Si occupa di editing, di promozione editoriale e di eventi culturali per il Circolo letterario Bel-Ami.

Clicca qui per visitare la sua pagina Facebook:
Twitter:

Link di acquisto ebook Lettere fra l’erba:
Formato Kindle
Formato Epub

Altre opere su Amazon:
Dodici posti dove non volevo andare http://amzn.to/1UA09Uf
Il primo scoglio (racconto gratuito) http://amzn.to/1PjYQGS

QUI trovi il video-presentazione in cui compare anche Dodici posti dove non volevo andare

DILLO CON UN TWEET!

... col tentativo di suicidio di un amico pieno di talento ma fragile, che rimarrà ossessionato da lei e le… Condividi il Tweet

.

pianta png_viny_leaves_by_moonglowlilly-d5n4df5

Share

Add a Facebook Comment

Leave a Reply

*

Share

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Read more - Web POLICY PRIVACY
CHIUDI
CLOSE