Incidenti prima di cantare a un matrimonio!

outfit uomo matrimonio 1

Fanculus…Vento gelido, occhi che bruciano e naso bagnato… e, naturalmente, un matrimonio a cui cantare😱. Ora sono chiusa in casa con il fuoco acceso, i guanti senza dita – e che freddo, sulle dita! – e la sciarpa…

28 aprile alle ore 14:43 ·

Domani dovrò cantare a un matrimonio e OVVIAMENTE da ieri sera ho mal di gola.
Progetto del giorno:

– Clausura
– Fuoco acceso
– Sciarpa costante
– Miele nel tè, anche se odio il miele
– Sciroppino alla propoli
– Timo in crema
– Camomilla
– Ribes Nigrum in gocce
– Nimesulide – già preso
– Gocce per l’ansia
– Pregare – fatto
– SILENZIO

Praticamente, so’ ‘na tossica

Matrimonio andato! 😀
Dopo il programma di combattimento di venerdì, ieri mattina stavo bene, ho fatto qualche scala, la voce si era finalmente aperta ed ero felice. Poi ho avuto la sciagurata idea di prendere alcune gocce omeopatiche come prevenzione. Mi sono andate di traverso e per un’ora e mezza ho tossito come una pazza. Da lacrimare per lo sforzo. Non riuscivo nemmeno a parlare. Per fortuna, quando canto posiziono la voce in alto, e dopo un po’ la voce ha ripreso a uscire.
Ovviamente ero angosciata e anche Roby ha assorbito la mia preoccupazione. Nel portarmi in chiesa, ha sbagliato strada due volte. La prima volta ha imboccato la via che porta in discarica – messaggio subliminale? – e la seconda si è infilato nel traffico del centro, anziché salire per la strada consueta.
Nonostante il pizzicore e i raspini costanti, i canti sono andati abbastanza bene. So di poter far meglio ma, vista la situazione, non mi lamento. E alla fine, dopo l’ “Ave Maria”, è accaduta una cosa che da noi è inusuale: è scattato l’applauso. Anche gli sposi si sono girati per applaudire.
Una soddisfazione che ricorderò per sempre.
All’uscita, altri complimenti e qualche sconosciuto è venuto a salutarmi.
D’allora ho ancora pizzicori, tosse e raspini, ma spero che mi passino in fretta. Oggi silenzio. Solo parole scritte. E la prossima volta, solo camomilla, prima di un’esibizione. È più prudente